Levanto – San Nicolao – Deiva Marina in mtb

 MAG  2019

Levanto – San Nicolao – Deiva Marina in emtb

Lunghezza complessiva km 29 ma và fatta una premessa. I primi 18 km sono in strada per raggiungere la vetta del monte San Nicolao a 810 m.  slm

Gli ultimi due con una pendenza media del 12%  quindi bisogna essere piuttosto allenati.

Io sono riuscito a farlo perchè utilizzo una mountain bike elettrica che mi consente molta autonomia.

Una buona alternativa è trovare un passaggio in macchina che ci eviti almeno una parte di salita.

Arrivati in cima al San Nicolao, proseguiamo sul comodo sterrato sino al primo bivio che prendiamo a sinistra, passando accanto al sito archeologico di San Nicolao di Pietra Colice.

 

I cartelli informativi forniscono una puntuale descrizione del manufatto.

Qui inizia il divertimento. Sono circa 5 km per arrivare al Tagliamento. Ci immergiamo nel bosco, la prima parte è caratterizzata da un profondo solco centrale, provocato probabilmente dalle motociclette, che obbliga ad esercizi di equilibrismo. Il sentiero scende dolcemente un pò segnato dalle piogge, attenzione a numerosi alberi caduti. Un tratto esposto, poi bisogna rilanciare,  in un paio di punti tocca scendere e spingere.  Arriviamo in uno spazio aperto dove si incrociano 4 sentieri, da qui possiamo in pochi minuti raggiungere il Baracchino, noi decidiamo di proseguire per il Tagliamento.

Il percorso diventa più facile e pedalabile, incontriamo un paio di punti attrezzati per il pic nic infine e sbuchiamo sulla via Aurelia presso il Tagliamento.

Peccato che il bar-ristorante abbia chiuso, era un ottimo punto di ristoro per ciclisti e motociclisti.

Attraversiamo la strada e prendiamo il sentiero 640. La prima parte dobbiamo farla a spinta e con una bici che pesa 22 kg non è uno scherzo, dopo un centinaio di metri il sentiero spiana e si può risalire in sella. Siamo immersi in un bosco di lecci, il percorso segue lo spartiacque con alcuni sali e scendi.

 

lecceta deiva marina

Dopo un pò ci troviamo ad un bivio, abbandoniamo il sentiero principale e prendiamo a sinistra, un cartello indica erroneamente Mezzema in realtà arriva a Deiva.

Una lunga e divertente discesa sempre immersi nel bosco, scorrevole non troppo tecnica, attenzioni alle radici.

Arriviamo al  sentiero costiero SVA Moneglia – Deiva che prendiamo a sinistra. Il fondo si fa piu sconnesso e  tecnico, appare la roccia con alcune parti scavate, gradoni. In poche parole sono sceso dalla bici alcune volte. L’ultima parte è più facile sino ad arrivare ad una casa, dove il sentiero diventa una strada cementata, sino ad arrivare al centro di Deiva e ritorno in treno.

Meglio comprare i biglietti in anticipo, se abbiamo tempo prima dell’arrivo del treno pausa corroborante al bar sereno giusto sotto alla stazione fs.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare tag e attributi HTML come: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>